domenica 2 ottobre 2011

Pizza chiena

Pizza chiena
La pizza chiena, una squisitezza da assaporare assolutamente.  Tradizione vuole che sia tipica del periodo pasquale,  niente e nessuna regola però, mi impedisce di farla in  tutto l’anno, forte è il suo sapore da distrarmi da tanta bontà. Chiena sta a significare la maestosità del suo ripieno, detta in dialetto assume per noi un significato di grandezza …a pizza chiena azz!!  Come detto su è una preparazione che si fa usualmente il venerdi Santo, e va  mangiata il giorno dopo, questa regola da alla pizza ulteriore sapore perché il periodo  di riposo amalgama i sapori unendoli alla pasta in maniera indissolubile, dando ad ogni assaggio nuove sensazioni e piacere al palato.  Questa ricetta la presento in due modalità differenti dalla solita, la prima con una farina che ha abbreviato la preparazione come quella del  http://www.molinochiavazza.it/p_cf_1.html, che non necessita della lievitazione  e del formaggio fresco di capra. Mentre l’altra è stata servire questo rustico con bicchieri di ghiaccio con della sangria speziata allo zafferano, semi di papavero e anice stellato, il tutto servito su un copri cielo  fantasia bordeaux e tovagliolo di http://www.creativitavola.com/home.asp

500g di farina
1 cucchiaio di olio
Acqua qb
Sale
Un pizzico di zucchero

Per il ripieno :
10 uova
Soppressata home
Prosciutto home
Prosciutto cotto
Provolone piccante
Formaggio gouda
Formaggio fresco di capra
Pecorino grattugiato
Pepe
 Preparare l’impasto  con la farina e lievito un pizzico di zucchero con l’olio e il sale e impastarlo in modo omogeneo. Suddividere l’impasto ottenuto in due palline una più grande e una meno e tenerle da parte .  Nel frattempo tagliare a dadini i salumi e i formaggi e mescolarli alle 10 uova, quindi pepare. Stendere le due palline in due sfoglia, e mettere la più grande sotto avendo accortezza di lasciare in alto un buon margine di pasta. Versare all’interno il ripieno ottenuto e ricoprirlo con l’altra sfoglia, avendo anche qui l’accortezza di far combaciare e sigillare bene i bordi. Eliminare l’eccesso di pasta e arrotolare i bordi su se stessi, spennellare di olio evo e cuocere in forno caldo a 180° per circa 60 minuti.








Questa ricetta partecipa a :


e al contest di  Imma

3 commenti:

Nani e Lolly ha detto...

Che bonta!

germana ha detto...

Ci credo che non si mangia solo a Pasqua...

stefy ha detto...

Piatto pasquale che si mangerebbe sempre!